Tag: webdesign

webdesign, wordpress

WordPress 5.0 Gutenberg release, come prepararsi e cosa fare

8 Novembre, 2018
wordpress 5 gutenberg

L’annunciata release 5.0 di WordPress è ormai imminente e porterà con sè – come novità principale – il nuovo editor Gutenberg, già testabile da qualche mese come plugin separato.

Cosa comporta la nuova release di WordPress per gli utenti?

Ogni utente di wordpress.org dovrà prendere posizione sul fatto di adottare o meno il nuovo Editor Gutenberg, che a partire dalla prossima release (annunciata per il 19 novembre 2018) sarà il nuovo editor di default di WordPress, andando a sostituire in toto quello attuale.

Che cos’è Gutenberg?

L’editor Gutenberg è basato su un concetto completamente nuovo rispetto a quello attuale, il concetto dei blocchi riutilizzabili.

In parole povere, mentre fino ad ora l’Editor che normalmente si apre creando una nuova pagina o articolo su WordPress è costituito da una “pagina” unica in cui inserire i vari elementi (testo, immagini, etc), con il nuovo concetto ogni elemento diventerà un blocco a sè stante.

ecco come appare la schermata del nuovo editor Gutenberg

Le conseguenze per un sito già pubblicato possono essere quelle di un totale stravolgimento del contenuto, soprattutto se utilizzate anche un visual composer per creare contenuti. Va detto che i composer com WPBakery Composer hanno approntato la compatibilità con Gutenberg, dando all’utente la possibilità di lavorare con i blocchi del nuovo editor o meno, però attenzione! questo varrà soltanto per gli utenti premium, cioè se avete acquistato la licenza (cosa che di solito non accade se invece avete scaricato il composer assieme ad un template acquistato, in questo caso dovete verificare con il vostro autore.)

Quale scelta adottare quindi?

Le possibilità secondo me sono 3:

  1. Non aggiornare a WordPress 5.0 – Opzione sempre attuabile, ma sconsigliata, gli aggiornamenti andrebbero sempre fatti. Il problema viene solo rimandato.
  2. Aggiornare ed utilizzare il nuovo Editor Gutenberg – Consigliata se avete già testato il nuovo editor, avete capito un po’ come funziona, vi trovate bene ad utilizzarlo, e siete in grado di smanettare per correggere eventuali problemi che si possono verificare.
  3. Aggiornare ma continuare ad utilizzare l’attuale Classic Editor.

Io consiglio di adottare la scelta numero 3, perlomeno, è quella che per ora adotterò io.

Se anche voi intendete adottare questa soluzione, per procedere scaricate fin da ora il Classic Editor disponibile come plugin, senza ancora attivarlo, dovrebbe comparirvi la schermata di avviso già nella Dashboard di WordPress:

attivare classic editor plugin wordpress

Anche il plugin di Gutenberg come potete vedere è disponbile per essere scaricato se volete provarlo, e farvi un’idea di come funziona e delle differenze, ma tra poco credo non lo sarà più, perciò se volete testarlo fatelo ora.

Ed ora non ci resta che attendere il 19 novembre, vedremo cosa succederà!


P.S. se ne avete la possibilità potete anche testare in beta WordPress 5.0, su un sito in locale oppure scaricando il plugin consigliato, leggete qua >>

freelance, lavoro, webdesign

Perché lavorare con un webdesigner, quando il sito te lo puoi fare da solo?

18 Maggio, 2014
webdesign

Esistono molte risorse online per realizzare siti web, magari anche in pochi giorni, e promettono un sacco di cose, di essere semplici da utilizzare, gratuiti eccetera.

Allora, perché mai ci si dovrebbe affidare ad un webdesigner per realizzare un sito?

[divider_line]

Ecco almeno 6 buone ragioni per affidarsi ad un webdesigner professionale:

Obiezione 1: Posso fare tutto da solo, ci vuole poco a fare un sito.

Innanzitutto, quello che a prima vista sembra così “veloce e facile”, con quelle piattaforme online in cui basta inserire i propri testi, foto e logo, molto spesso invece non lo è affatto, e può rivelarsi una faccenda che porta via un sacco di tempo. Sono sicura che per voi il tempo é prezioso, quindi perché perderne facendo da soli qualcosa di cui non siete esperti?

Obiezione 2: So io cosa mi piace, il webdesigner poi vuole sempre “fare di testa sua”.

Questo è un dilemma molto diffuso: il sito deve piacere al cliente o al designer che lo realizza? Inutile stare qui a disquisire, non é questo il problema. La risposta corretta é: a nessuno dei due.

Il sito, infatti, dovrà “piacere” a chi lo userá, cioé al target della vostra utenza. Una volta stabilito a chi si rivolgerá il vostro sito, l’esperto di comunicazione e di grafica saprá quale forma é giusto dargli, é il suo mestiere.

Obiezione 3: Perché devo “pagare un sacco di soldi” quando me lo posso fare da solo, oppure posso trovare chi invece me lo fa per poche centinaia di euro (o meno)?

Come dicevo prima, il tempo é denaro, e state pur certi che se ve lo fate voi da soli, alla fine dei conti non sará gratis, perché vi porterá via un sacco di tempo.
Stessa cosa se lo fate fare a qualche parente o amico, che realizza siti per hobby mentre di mestiere nella vita fa tutt’altro; state pur certi che, a lavorare con un non-professionista, alla fine ne ricaverete più grane che soddisfazioni. Sono sicura che a voi preme di lavorare con qualcuno che i problemi ve li risolva, non che li crei.

Obiezione 4: Ma a me in realtá del sito interessa poco, lo faccio solo perché “bisogna pur esserci” sul web. Per far conoscere la mia attivitá mi baso di più su altre strategie, tipo il passaparola.

Perfetto. Se per la vostra attivitá questa é una strategia vincente, quella del passaparola, significa che va bene così.
Però la domanda é: allora perché avete deciso di impiegare tempo e – presumibilmente – denaro, in qualcosa che secondo voi non serve a nulla?

Il vostro sito web deve servire ad ingrandire la vostra attivitá, farvi conoscere a nuovi potenziali clienti ed in poche parole, aumentare i vostri profitti.

Vi piace l’idea?
Se sì, voi sapete come fare in modo che ciò accada? Io sì, e vi posso aiutare.

Obiezione 5: Ho giá speso soldi per l’immagine aziendale, il logo, una brochure, una piccola campagna pubblicitaria. Per il sito voglio andare al risparmio.

Avete fatto bene ad investire nella vostra immagine aziendale, e spero sinceramente che questo investimento vi stia portando buoni frutti. Ma anche il vostro sito ne fa parte a pieno titolo, di questa immagine, e deve essere coordinata con essa.

Il sito web non é uno strano “oggetto” che naviga lì sul web tanto per esserci, dovrebbe contribuire a rafforzare la vostra immagine ed a comunicare con il vostro pubblico. Questo é un grande punto di forza da migliorare sempre, per posizionarsi meglio sul mercato.

Non ha davvero senso, infatti, spendere energie e risorse per un nuovo logo, biglietto da visita e brochure, se poi quando vi cercano su internet, faticheranno a riconoscervi perchè il vostro sito è improvvisato e poco professionale. Tutto deve essere coordinato per dare di sè l’immagine migliore.

Obiezione 6: Il sito giá ce l’ho, ho speso anche una cifra consistente per realizzarlo, ed il risultato mi sembra buono. Peró se lo cerco sul web non compare, e non mi ha mai aiutato a realizzare nuovi contatti. Quindi, vedi che non serve a niente avere un sito?

Se é questo quello che ti sta succedendo, mi dispiace molto, però si può sempre rimediare.

Non é sufficiente, infatti, realizare un bel sito e averlo pubblicato. Bisogna anche farlo conoscere e renderlo vivo, con contenuti aggiornati, appropriata indicizzazione sui motori di ricerca, parole chiave e diffusione sui social media.

É come farsi realizzare un bell’abito da un sarto famoso: finché non lo indossate, nessuno vedrá come vi sta bene! Quindi, é ora di indossare il vostro “sito su misura” e di farlo entrare in societá perché venga trovato dalle persone giuste!

[divider_line]

…non ci hai capito niente? No problem, l’esperto giusto può farlo per te.
Ed i risultati ci saranno, e saranno quantificabili, questo te lo posso assicurare..

contattami e parliamone >>