Blog updates

Latest news & updates
wordpress

Come scegliere il template giusto per il tuo sito in WordPress

29 Maggio, 2019
temi gratuiti wordpress

Scegliere il template più adatto per un sito web in WordPress è una delle prime operazioni da fare quando si decide di creare un sito: il template (o “tema”) è quello strumento che darà la specifica forma grafica e struttura ai contenuti del tuo Sito.

Sceglierlo con cognizione di causa è importante quindi se vogliamo essere sicuri di ottenere un buon risultato: un template NON vale assolutamente l’altro.

Quali caratteristiche deve avere un buon template grafico?

In linea generale i templates vanno valutati sulla base di 4 elementi:

  • aspetto grafico
  • funzionalità tecniche presenti
  • compatibilità
  • recensioni di altri utenti

ASPETTO GRAFICO – L’aspetto grafico di un template deve essere facilmente modificabile, anzi è auspicabile che questo venga fatto il più possibile, in modo da non sfornare un sito identico ad altri già esistenti.

La possibilità di modificare i colori, la grandezza dei caratteri ed inserire il proprio logo nella posizione desiderata, sono solo i requisiti minimi indispensabili di un buon template.

Quello che è maggiormente importante però è scegliere una forma grafica che sia la pià idonea al tuo brand. La grafica adatta per un’azienda di costruzioni, per esempio, dovrà avere un aspetto solido e rassicurante, mentre invece quella per un ristorante potrà essere più fantasiosa e colorata.

FUNZIONALITÁ – Le funzionalità devono essere quelle utili al tuo scopo ed al tuo brand; se per esempio vuoi realizzare un portfolio, sceglierai un template con questa funzionalità già impostata in modo da semplificarti al massimo il lavoro. Se devi vendere dei prodotti, ti servirà un template con un e-commerce già impostato.

COMPATIBILITÁ – Prima di installare un template è importante verificare che questo sia pienamente compatibile con la più recente versione di WordPress e con eventuali altri funzionalità che vorrai aggiungere in seguito. Per esempio se volete realizzare un Sito in più lingue ed utilizzare plugin come WPML dovete verificare prima la compatibilità

RECENSIONI – Le recensioni degli altri utenti sono importanti per valutare il grado di soddisfazione generale, ma è anche necessario saperle valutare (come per qualsiasi tipo di recensione).

Template gratuito o template a pagamento?

Se il tuo sito web è amatoriale, se sei alle prime armi e vuoi fare un po’ di pratica e vedere come funziona, puoi iniziare con un template gratuito. Senza andare a cercare su millemila siti web, ce ne sono di ottimi già su WordPress, come per esempio quelli di Colorlib: Sparkling, Travelify ed il più recente Activello. Sono facili da utilizzare ed estremamente flessibili da personalizzare con i fogli stile (se sei in grado di farlo). Colorlib offre anche un forum di supporto gratuito per chi utilizza i suoi template.

colorlib wordpress
Colorlib: alcuni temi gratuiti per WordPress, tra cui l’ottimo Sparkling

Motivi per cui scegliere un template a pagamento:

Uno degli svantaggi principali dei templates gratuiti, è però il fatto che in genere non è previsto un forum di supporto (Colorlib è un’eccezione). Quindi i principali vantaggi dei templates a pagamento sono:

  • avrete diritto al supporto gratuito (per un determinato periodo di tempo o per sempre);
  • avrete diritto a scaricare gli aggiornamenti del template (idem come sopra).
  • un forma grafica ed uno stile curato.

Tutti i più venduti e migliori templates a pagamento vengono regolarmente aggiornati dai loro autori, per fare in modo che funzionino al meglio con la più recente versione di WordPress.

Il CMS di WordPress è infatti una realtà in continua evoluzione, basti pensare alle recenti novità introdotte dal nuovo editor Gutenberg, ed è quindi fondamentale che siano aggiornati di conseguenza anche tutti i plugin ed il template.

Un esempio di template “complesso” con più di 400 demo pronte da installare
Un esempio di template “leggero” con poche funzionalità ma una grafica molto curata

Mentre i templates gratuiti hanno tutti una struttura ed una grafica estremamente semplice (blog+una serie di pagine tipo), fra quelli a pagamento puoi scegliere fra:

  1. templates “leggeri” nella struttura e nel numero di funzionalità, ma curati nella grafica, da personalizzare il più possibile (ed in questo caso, come dicevo anche prima, devi avere un minimo di conoscenze di CSS ed HTML);
  2. templates “complessi” con molte funzionalità, ed addirittura a volte una serie di demo tematiche già pronte da installare, questi sono più adatti nel caso in cui invece non hai intenzione di mettere mano al codice e ti servono una serie di funzionalità già pronte.

Dove e come acquistare un template di qualità?

Io uso Themeforest perchè mi da la garanzia di un controllo di qualità, e perchè posso leggere molte recensioni di altri clienti.

Un buon template a pagamento dovrebbe avere le seguenti caratteristiche:

  • un ottimo servizio clienti e di supporto (credetemi, vi servirà);
  • deve essere stato scaricato da molti utenti, questo vi darà un minimo di garanzia sul fatto che il template continuerà ad essere sviluppato. Ho avuto esperienza di templates validi che però non erano stati acquistati quasi da nessuno (a parte me!) e quindi dopo alcuni anni l’autore ha smesso di aggiornarli.. non c’è nulla che potete fare per evitare ciò, vi toccherà semplicemente cambiare template;
  • deve necessitare del minor numero di plugin indispensabili da installare: meno plugin sono necessari, meglio è;
  • deve essere testato che sia veloce nel caricamento;
  • deve avere un ottimo impatto grafico e di stile.

Su Themeforest, poi, ogni mese, è possibile scaricare un template gratuito, si tratta dello stesso tema che trovate normalmente in vendita sul sito, ma senza le opzioni aggiornamento periodico+supporto tecnico. Sono utili se volete provare un template nuovo, ma poi se intendete continuare ad utilizzarlo vi consiglio di acquistare la licenza.

Inoltre, è importante sottolineare che attualmente alcuni temi in vendita per WordPress sono compatibili con Gutenberg (come per esempio Himmelen), altri invece no (come per esempio Salient) perchè utilizzano un proprio editor o composer indipendente, oppure ne integrano uno di quelli più utilizzati come Elementor oppure WPBakery Page Builder.

claudia
Esperta di Brand Identity e Comunicazione Aziendale, affianco le Aziende e le Persone a rilanciare, o realizzare ex-novo, la loro Immagine, dal Logo, all'Immagine Coordinata, al Sito, e tutti gli strumenti di lavoro personalizzati.

Dicci la tua, lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: