Blog updates

Latest news & updates
wordpress

State usando Gutenberg? quali sono le nuove funzionalità dell’editor di WordPress e perchè decidersi ad usarlo

19 Agosto, 2019
gutenberg nuove funzionalità editor blocchi

Ad ormai 8 mesi dall’introduzione ufficiale di Gutenberg come editor di default di WordPress, la domanda è: lo state utilizzando? se sì, come vi trovate? avete scoperto tutte le nuove funzionalità?

Come un po’ tutti, anche la sottoscritta all’inizio era molto scettica nei confronti di Gutenberg, ed infatti a novembre dell’anno scorso scrissi questo articolo in cui consigliavo di non utilizzarlo per il momento. Le paure e le incognite erano molte, a cominciare dalla fatidica domanda: il mio sito crollerà se attivo Gutenberg??

No amici il vostro sito non crollerà! 🙂

Io ormai lo sto utilizzando sul 75% dei siti che gestisco, e mi sembra già di non riuscire a farne a meno. Alcune funzionalità che mi lasciavano perplessa sono state migliorate o perfezionate dall’anno scorso e quindi ho deciso di passare definitivamente a Gutenberg.

Perchè decidersi ad utilizzare Gutenberg?

Beh prima di tutto per un motivo molto semplice: è il futuro di WordPress, che ci piaccia o no prima o poi bisognerà iniziare ad usarlo.

Il secondo motivo è che offre un sacco di nuove funzionalità che rendono molto più facile creare layout più interessanti, senza l’utilizzo di shortcodes e page builders. Quindi con Gutenberg bye bye shortcodes, che pure ci sono stati così utili, ma che ci “rompevano” il sito tutte le volte che si desiderava cambiare template oppure non utilizzare più un determinato plugin.

Sia chiaro, Gutenberg non possiede tutte le funzionalità creative che vi può dare un page builder, tutt’altro. Ma l’intento sembra essere proprio quello, di andare a sostituire questi, nel futuro. E non essere più dipendenti da un pesante ed ingombrante plugin come un page builder basato su degli shortcodes, secondo la mia opinione può soltanto fare bene ad un sito in WordPress.

Cosa succede al mio sito e a tutti i suoi contenuti quando abilito Gutenberg?

Prima di abilitare Gutenberg devi verificare che il tuo template sia compatibile. Se lo è non succederà niente di strano, gli articoli e le pagine che hai già creato e già esistenti sul tuo sito non subiranno nessuna modifica.

L’unica differenza è che i tuoi contenuti risulteranno impaginati con uno dei blocchi di Gutenberg, chiamato “editor classico” (che non c’entra nulla con il plugin Classic Editor). Puoi scrivere e fare modifiche ai tuoi vecchi post e contenuti lavorando all’interno di questo blocco e senza nessun bisogno di riscrivere articoli e pagine.

Oppure puoi convertire automaticamente tutto il testo in blocchi.

Come attivare Gutenberg su WordPress

É facilissimo, seguite questi passaggi:

  • se avete installato il plugin Classic Editor, disattivatelo e poi eliminatelo.
  • se ancora non l’avete fatto – dovete aggiornare a WordPress 5.0. Sì lo so che sono mesi che è disponibile, ma ci metterei la mano sul fuoco sul fatto che molti ancora non hanno aggiornato.
  • il nuovo block editor di Gutenberg sarà attivo senza bisogno di fare nulla di più.

Come disattivare Gutenberg su WordPress

attivare classic editor
Attivare il Classic Editor per non usare Gutenberg

Se invece volete passare ad aggiornare WordPress all’ultima versione ma senza utilizzare Gutenberg, seguite questi passaggi:

  • se ancora non l’avete fatto, installate il plugin Classic Editor
  • aggiornate WordPress all’ultima versione
  • portatevi nel menu Impostazioni–>Scrittura e scegliere l’editor che intendete usare. In questo caso il Classic Editor. L’editor a blocchi sarà disattivato.

Casi in cui non è possibile utilizzare Gutenberg sul vostro sito in WordPress

Come dicevo anche prima, ci sono casi in cui non è possbile utilizzare Gutenberg. Vediamo quali sono:

  1. Se il vostro template non è compatibile. Questo può succedere in alcuni casi di template gratuiti, oppure se il vostro template usa un page builder non compatibile (e voi avete realizzato il sito usandolo).
  2. Se state utilizzando un Page Builder come quello di WPBakery, che si basa sugli shortcodes.

In questi casi cosa dovete fare?

  • installate il plugin Classic Editor
  • nelle Impostazioni di scrittura del menu di WordPress scegliere di utilizzare il Classic Editor
  • nelle impostazioni generali di WPBakery, disabilitate Gutenberg.

Per chi ha creato il proprio sito con un page builder non compatibile la risposta su come si evolveranno le cose arriverà – speriamo in fretta – nei prossimi anni. Per ora l’unica possibilità per continuare ad utilizzare WordPress è quella di installare il plugin Classic Editor che sarà disponibile soltanto fino al 2022, quindi non per sempre.

Nuove funzionalità e vantaggi di Gutenberg

Passiamo ora a vedere alcune nuove ed interessanti funzionalità dell’editor a blocchi.

I blocchi di Gutenberg.

Lavorando con Gutenberg il vostro testo sarà distribuito in tanti blocchi quanti sono i paragrafi.

É possibile anche trasformare automaticamente un blocco di un certo contenuto in un altro, per esempio un testo in un titolo, oppure un testo (paragrafo) in un elenco.

Un’altra cosa utile del lavorare coi blocchi è il fatto che è possibile visualizzare un contenuto come HTML senza dover visualizzare tutto il vostro contenuto della pagina come HTML. Questo rende molto più facile fare delle modifiche.

impostazioni colore gutenberg

Nuove funzionalità per il testo: blocco “paragrafo”

É possibile inserire facilmente un capolettera, decidendo anche la grandezza del font.

Tramite la funzionalità “impostazioni colore” in ogni blocco paragrafo si possono facilmente aggiungere sfondi colorati a testi, senza dover ricorrere al codice.

Nuove funzionalità per il layout: blocco “colonne”

Grazie al blocco “colonne” potete inserire colonne di testo diverse, per esempio per alternare testo ad una colonna a testo su due colonne:

Testo su colonna di sinistra su sfondo grigio allineato al centro

Testo su colonna di destra allineato a sinistra su sfondo rosa.. figo no?? 🙂

(se stai leggendo questa pagina da un mobile device non vedrai le due colonne)

Nuove funzionalità per il layout: blocco “pulsante”

Questo è un bell’esempio di come gli shortcodes serviranno sempre a meno. Grazie a questo blocco infatti potete creare pulsanti e call to action con testi, forme, e colori diversi, senza ricorrere agli shortcodes.

Nuove funzionalità per le immagini

Oltre che inserire immagini singole, è possibile inserire Gallerie di immagini, con didascalie in sovraimpressione.

Grazie al blocco chiamato “media e testo”, è possibile affiancare del testo ad un’immagine; come si può vedere dall’esempio qua sotto, aggiungendo uno sfondo colorato si ottiene una grafica interessante. Prima per ottenere un risultato del genere senza utilizzare degli shortcode bisognava essere degli smanettoni!

parigi rer

Foto di Parigi di sera con ingresso alla RER

Un’altra novità per le immagini è il blocco “copertina”:

Nel blocco “copertina” è possibile inserire un testo o un’altra immagine su un’immagine abbassata di tono. L’immagine inserita sopra è denominata “immagine in linea“, ed è possibile determinarne la grandezza a piacere.

Nuove funzionalità di incorporamento

Nei blocchi di incorporamento è possibile inserire contenuti provenienti da altre piattaforme, per esempio una foto da Flickr o un tweet con estrema facilità, è sufficiente inserire l’url del link:

Esempio di tweet incorporato

Questi incorporamenti vengono trattati come un’immagine, a cui è possibile applicare diversi allinementi ed inserire una didascalia.

Blocco widget

Alcuni widget solitamente presenti nella sidebar, come gli articoli recenti o la tag cloud, possono adesso essere inseriti all’interno del testo grazie ad un blocco.

Blocchi riutilizzabili

É possibile creare dei blocchi personalizzati da riutilizzare al bisogno tali e quali, senza modifiche, e quindi senza bisogno di ripetere una serie di operazioni sempre uguali. Per esempio, una spaziatura in px, oppure un testo o titolo che si ripete.

Funzionalità mancanti nei blocchi di Gutenberg rispetto all’editor classico.

Alcune funzionalità non sono state tradotte in blocchi, come per esempio la “incolla come testo”, molto utile quando si fa copia e incolla da un testo di Word. Ma per ovviare a questo è sufficiente usare il blocco editor classico.

Altre novità di Gutenberg per me molto positive

verifiche-pubblicazione-gutenberg

Strumento “Pubblica”: quando state per pubblicare un nuovo contenuto, vi viene mostrata una schermata con le verifiche pre-pubblicazione.

Questo strumento secondo me è molto utile perchè vi permette di pubblicare in due step, e se per caso avete cliccato su Pubblica per sbaglio, potete annullare l’operazione.


Avete riscontrato altre funzionalità interessanti usando Gutenberg che non sono elencate in questo articolo? Fatemele sapere nei commenti!

Tags
claudia
Esperta di Brand Identity e Comunicazione Aziendale, affianco le Aziende e le Persone a rilanciare, o realizzare ex-novo, la loro Immagine, dal Logo, all'Immagine Coordinata, al Sito, e tutti gli strumenti di lavoro personalizzati.

One comment

  1. […] Hai deciso di utilizzare Gutenberg ma non sai da dove cominciare? leggi qua >> […]

    Rispondi

Dicci la tua, lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: